Auto-aiuto2018-04-12T11:15:44+02:00

Auto-aiuto

ADESSO. VIVERE GIORNO PER GIORNO PENSANDO POSITIVO PER RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI

Autore: Louise L. Hay
Anno di pubblicazione: 2009
Editore: Armenia

Secondo la visione di Louise L. Hay, i pensieri possiedono un enorme potere creativo, per cui svolgono un ruolo vitale nel processo di cambiamento. Le affermazioni non sono che piccoli avvertimenti destinati al nostro sé interiore, in grado di imbrigliare il potere del pensiero positivo e di indirizzarlo nella giusta direzione. Louise ha concepito le sue affermazioni in maniera tale che investano tutti gli aspetti della vita, ed è buona cosa iniziare a leggerle e ripeterle da subito, soprattutto prima di andare a dormire.

LE CHIAVI DELL’AUTOSTIMA. STARE BENE CON SE STESSI. STARE BENE CON GLI ALTRI

Autore: Anna Laura Boldorini, Pietro Spagnulo
Anno di pubblicazione: 2009
Editore: Ecomind

L’autostima è la percezione complessiva del nostro valore: è il voto che diamo a noi stessi. Non sorprende dunque che i problemi di autostima siano responsabili di comportamenti inadeguati, negativi, distruttivi, o che siano al centro di molte difficoltà, disagi e persino disturbi psicologici. D’altra parte, l’autostima dipende a sua volta dai nostri comportamenti e dalle nostre scelte. Se ci comportiamo in modo inadeguato, negativo e distruttivo, la nostra autostima si riduce, e si attiva così un circolo vizioso che genera ulteriori comportamenti inadeguati che, a loro volta, riducono ancora di più la stima di noi stessi.
Scritto da due autori di successo e trainer di grandissima esperienza, quest’opera mette insieme e insegna, passo dopo passo, i fondamenti della psicologia positiva, dell’assertività, della comunicazione verbale e non verbale per avere successo, e la saggezza profonda della meditazione, lo strumento per eccellenza dell’equilibro e della conoscenza di sé.

NESSUNO E’ PERFETTO

Autore: M.M. Antony & R.P. Swinson
Anno di pubblicazione: 2008
Editore:Eclipsi

Un utile strumento di auto-aiuto per chi soffre di disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi alimentari, fobia sociale, depressione o ansia generalizzata.
Questo libro è rivolto a coloro che hanno standard di comportamento talmente elevati da compromettere il loro benessere psicologico e, molto spesso, anche i rapporti con le persone che hanno accanto. Il libro si articola in tre sezioni distinte che, grazie a un’esposizione agile ma rigorosa, consentono di penetrare la complessità dei diversi fattori che caratterizzano il perfezionismo patologico. Nella prima sezione vengono analizzati gli aspetti cognitivi e comportamentali alla base di questo atteggiamento di estrema rigidità verso se stessi e gli altri. La seconda invece, attraverso tecniche di comprovata efficacia clinica, fornisce gli strumenti per valutare autonomamente l’intensità del proprio perfezionismo e per affrontare adeguatamente i problemi ad esso associati. L’ultima sezione, infine, è dedicata alle possibili interazioni tra perfezionismo e altri disturbi psicologici (come depressione, ansia, disturbi alimentari, fobia sociale, ecc.) e fornisce utili indicazioni terapeutiche per ognuna delle patologie trattate.

RESPONSABILE SÌ, COLPEVOLE NO! Il giusto approccio al senso di responsabilità

Autore: Yves-Alexandre Thalmann
Anno di pubblicazione: 2010
Editore: Punto d’Incontro

Da “Non è colpa mia!” a “Mi sento sempre in colpa”, assumersi le proprie responsabilità si rivela spesso un percorso a ostacoli. Infatti, il concetto di responsabilità e quello di colpa vengono regolarmente confusi tra loro. Assumersi le proprie responsabilità, tuttavia, è essenziale per il benessere psicologico: ci atteggiamo a vittime se lo facciamo troppo poco e ci colpevolizziamo se esageriamo. Il delicato equilibrio tra i due estremi si può raggiungere assumendosi le proprie responsabilità, ma solo ed esclusivamente quelle delle nostre azioni, delle nostre parole, di pensieri e sentimenti. Assumersi tutte le proprie responsabilità e solo quelle, al di là di sensi di colpa o di coinvolgimenti in quelle altrui o presunte tali, è la chiave del rispetto e della qualità dei rapporti.

•    di che cosa sono responsabile?

•    di cosa sono responsabili gli altri?

•    dalla responsabilità al senso di colpa

•    quando non mi assumo tutte le responsabilità e quando me ne assumo troppe

•    vittimismo e senso di colpa: una coppia inseparabile

•    le responsabilità emozionali degli altri

•    non lasciarsi manipolare: fare richieste chiare

PERSONALITÀ E AUTOEFFICACIA Come allenare ragione ed emozioni

Autore: Pellegrino Ferdinando
Anno di pubblicazione: 2010
Editore: Springer Verlag

Uno degli interrogativi più pregnanti della moderna psicologia è quello inerente alle potenzialità umane: perché un individuo è più forte, più agile, più dinamico e creativo rispetto ad un altro pur avendo lo stesso quoziente intellettivo? Quali sono i fattori che rendono una persona meno vulnerabile allo sviluppo di condizioni di disagio psichico? Quali sono i fattori che rendono una persona più brillante ed efficace? Come si può accrescere il proprio talento, essere leader di se stessi?                                                     È questa la vera sfida della psicologia del positivo che, avendo superato i legami con il modello del patologico, si pone come paradigma fondamentale per lo sviluppo di stili di vita vincenti attraverso percorsi formativi innovativi.     Il cambiamento di prospettiva è determinante e radicale; oggi si parte dal presupposto che la mente umana, nei suoi aspetti cognitivi ed emotivi, possieda le energie sufficienti allo sviluppo di personalità mature ed efficaci, con confini ben strutturati e un Io consapevole e forte.   L’autoefficacia esprime le grandi potenzialità della mente umana di rappresentare se stessi in modo coerente, in un dinamismo continuo e positivo, in grado di rendere l’individuo resiliente, capace di autodeterminarsi rispetto alle difficoltà della vita quotidiana. La gestione dello stress si apre a nuove dimensioni, non appare più come una semplice “resistenza”alle avversità e alle difficoltà della vita, quanto una nuova modalità di gestirsi in termini proattivi, che porta ad avere una visione del mondo più positiva e ottimistica.

APRIRSI AL MONDO DEL POSSIBILE. COME VINCERE LE PROPRIE FRAGILITÀ

Autore: Vigna M. Gemma
Anno di pubblicazione: 2010
Editore: Armando Editore

Questo saggio propone un nuovo modello micropsicoanalitico di ricerca fondato sull’interazione corpo mente spirito, i tre aspetti dell’essere umano inscindibili ma distinti nella dialettica delle loro specificità che, opponendoli, li rende complementari. Questo modello di indagine psicologica che l’Autrice propone si impernia sulle memorie degli organi del corpo. Col lavoro di seduta miscropsicoanalitica, infatti, ciascun organo si scopre essere suscitatore e ricettore di memorie somatiche psichiche spirituali, sia personali che ataviche, e dunque luoghi reali di disfunzione, infelicità, malattia.

LUTTO E DESIDERIO. TEORIA CLINICA DEL LUTTO

Autore: Francesco Campione
Anno di pubblicazione: 2012
Editore: Armando Armando

La morte porta via le persone care, lasciandoci il desiderio che tornino. Così, prima le aspettiamo, poi cominciamo a vederle dove le abbiamo viste in vita, e infine ne sentiamo la mancanza. Il lutto è quel tempo di crisi che ognuno di noi attraversa al fine di non sentire più il desiderio dei morti senza però dimenticarli. Possiamo superare questa crisi se la morte del caro è dolce. Possiamo avere bisogno di aiuto se la perdita invece è traumatica. L’intento di questo libro è quello di fornire un aiuto che mira a contrastare il vuoto che l’assenza del caro estinto determina.

USCIRE DALLA PAURA E RIAPRIRSI ALLA VITA

Autore: Roberto Costantini, Paolo Bartolini
Anno di pubblicazione: 2012
Editore: Franco Angeli

La paura è un’emozione naturale che può, in situazioni critiche, assumere forme eccessive e controproducenti, impedendoci di esprimere liberamente risorse e potenzialità. I due autori, avvalendosi degli strumenti della psicologia funzionale e dei contributi più recenti delle neuroscienze, rintracciano le origini della paura patologica e i meccanismi che la fanno perdurare nel tempo. L’obiettivo di questa ricognizione nei territori impervi del disagio psico-fisico è quello di fornire suggerimenti e strategie di self-help che ci aiutino a prendere consapevolezza di noi e del mondo circostante, e ci insegnino ad affrontare le paure e a recuperare la capacità di vivere il presente senza proiettare su di esso le ombre del passato e le aspettative ansiose per il futuro. L’intento del libro è quello di promuovere un cammino di autoconoscenza che non si fermi al solo livello cognitivo, ma ci coinvolga nella nostra interezza bio-psico-sociale. Per questo viene dato grande rilievo a quelle che sono le principali esperienze di base (forza, autonomia, progettualità, appartenenza, perdita del controllo, ecc.), ossia a quelle esperienze che risultano indispensabili per uscire dalla paura  e riaprirsi alla vita con gioia e fiducia. Alla fine del volume un test di autovalutazione per riconoscere quanto spazio occupi la paura nella nostra esistenza e poter predisporre un vero e proprio piano per conservare salute e benessere.