Parole Psicologiche 2017

Egosintonico – Egodistonico
Coppia di termini che si riferisce alla compatibilità o incompatibilità di ideee o pulsioni con gli ideali dell’Io e con il concetto che il soggetto ha di se stesso. Ne consegue un atteggiamento che in un caso è di accoglienza e nell’altro di conflittualità.

Giovanilismo
Persistenza di caratteri giovanili, se non infantili, in persone adulte o anziane. Sotteso a questo atteggiamento psicologico c’è il rifiuto di accettare le tappe della vita o il timore di non essere più accolti o amati come quando si era bambini.

Ipocondria
Detta anche patofobia, è una preoccupazione immotivata per le proprie condizioni di salute, accompagnata da disturbi fisici e stati di angoscia e depressione.

Catalessia
Detta anche catalessi, è un fenomeno psicomotorio che consiste nel prolungato mantenimento di posizioni o atteggiamenti del corpo, talvolta scomodi o difficili da mantenere, per un’alterazione del tono muscolare dovuta ad un’anomalia innervativa di cui non si conoscono le cause. E’ presente nella schizofrenia.

Catatonia
Disturbo grave dell’attività, della volontà e della psicomotricità che, sul piano clinico, si manifesta con sintomi acinetici, ma anche ipercinetici o paracinetici. Nelle sue espressioni di tipo acinetico la catatonia va da una generica inibizione psicomotoria fino all’arresto psicomotorio. Tra le manifestazioni paracinetiche vi sono le stereotipie e le ripetizioni automatiche e afinalistiche. Nelle manifestazioni ipercinetiche sono presenti improvvisi stati di eccitamento psicomotorio.

Stereotipie
Tratti di comportamento, caratterizzati da un alto grado di fissità e costanza, che interessano la postura del corpo, il movimento e la comunicazione scritta o parlata e che, indipendentemente dalla situazione, si ripetono come un rituale in modo automatico. E’ molto frequente nelle sindromi schizofreniche.

Idrocefalia
Consiste nell’aumento abnorme della quantità di liquido cefalo-rachidiano nell’encefalo a causa di un mancato deflusso del liquido o per un difetto di assorbimento. Tra le varie forme la più grave è l’idrocefalia congenita, che comporta un aumento considerevole della testa con appiattimento delle circonvoluzioni. Nei bambini che sopravvivono si può manifestare cecità, difficoltà di deambulazione, ritardo metale.

Libido
Termine latino che significa desiderio. E’ stato usato da Sigmund Freud per designare l’energia corrispondente all’aspetto psichico della pulsione sessuale e da Jung per designare l’energia psichica.

Training autogeno
Metodo pratico di psicoterapia elaborato dal neurologo Schultz. Questa tecnica si basa sul raggiungimento dell’autodistensione psichica e somatica volta a ristabilire equilibri funzionali alterati, a decondizionare situazioni patologiche e trasferire dinamismi positivi negli strati profondi della personalità. Si serve di tecniche autoipnotiche, utilizza una serie di esercizi volti a rilassare il tono muscolare , l’attività cardiaca e polmonare fino all’equilibrio neurovegetativo in modo da togliere ansia e stress e raggiungere un benessere psicofisico.

Encefalo
Centro di raccolta e smistamento di tutti gli impulsi sensitivi e motorie sede di elaborazione di tutte le funzioni psichiche. Insieme al midollo spinale costituisce il sistema nervoso centrale

Microzoopsia
Allucinazioni visive in cui il soggetto è convinto di vedere piccoli animali striscianti o brulicanti, accompagnati da un’intensa reazione d’ansia. E’ tipica del delirium tremens.

Sensualità
Condizione soggettiva o oggettiva connessa con la sollecitazione dei sensi e con il piacere a essa associato con particolare riferimento alla dimensione erotica o estetica.

Esercizio
Ripetuta esecuzione di un’attività fisica o mentale in vista di un’attività fisica o mentale in vista di un addestramento, di un’istruzione o di una formazione. Con l’esercizio si raggiungono delle abilitàche consentono di compiere azioni con minor sforzo, in quanto l’esercizio le ha iscritte nell’abitudine.

Rischio
Aspetto negativo della possibilità. Ogni possibilità implica oltre al poter essere anche il poter non essere, è implicito in ogni decisione e scelta. Nel rischio giocano un ruolo fondamentale le probabilità offerte dalla situazione in cui ci si trova.

Voluttà
Piacere intenso e diffuso avvertito in occasione della soddisfazione di un desiderio sessuale o spirituale.

Manipolazione
Comportamento adattivo, animale o umano, che consente all’organismo di selezionare gli oggetti del proprio ambiente e di declinarli in base alle proprie esigenze. Può avere anche una valenza negativa, a proposito di quelle condotte messe in atto allo scopo di controllare e manovrare gli altri per raggiungere i propri obbiettivi.

Provocazione
Comportamento messo in atto per suscitare la reazione altrui. Da un punto di vista psicoanalitico la provocazione è considerata un meccanismo di difesa per giustificare a propria ostilità o aggressività adducendo a pretesto l’ostilità dimostrata da altri.

Rimprovero
Appunto verbale che si propone di sottolineare la scorrettezza o la gravità di un’azione allo scopo di evitare il ripetersi e di offrire all’interessato la possibilità di riconsiderare la situazione in cui l’infrazione è avvenuta nei giusti termini.

Sospettosità
Atteggiamento acquisito dal soggetto che avverte la realtà con dubbio, timore e altri sentimenti ostili maturati da esperienze negative reali o immaginarie, che quando si strutturano in maniera forte, predispongono a vissuti paranoici.

Don Giovanni
Personaggio della letteratura divenuto simbolo della libertà sessuale, dell’infedeltà, dell’amore come impresa della seduzione senza passione, dell’amore non individualizzato che preferisce l’intensità del momento, alla profondità del rapporto.

Inadeguatezza
Sentimento d’insufficienza di fronte a determinate situazioni. Essa non implica necessariamente sentimenti d’inferiorità, ma è spesso accompagnata da espressioni di rammarico.

Progetto
Si tratta di un piano d’azione che per essere realizzato richiede al soggetto capacità di valutare il futuro anticipandolo a partire da una corretta valutazione del presente e del passato.

Inferiorità
Sentimento d’insufficienza psichica o fisica che emerge dal confronto con gli altri. A. Adler considerò il complesso d’inferiorità punto di partenza della sua teoria della nevrosi, individuandone l’origine in un difetto organico, di varia natura, presente fin dalla nascita.

Autopunizione
Punizione che il soggetto infligge a se stesso per lenire un senso di colpa connesso ad una trasgressione, immaginaria o reale, di norme o principi morali. L’autopunizione solleva dall’ansia di una punizione incombente dall’esterno.

Sorpresa
Emozione che insorge quando si verifica un evento contrario alle aspettative o inaspettato. A livello comportamentale la sorpresa, solitamente, genera un’improvvisa modificazione della direzione dell’attività.

Analisi
Termine che deriva dal greco “anamyo”, sciolgo, e si riferisce al procedimento che tende a risolvere un tutto nei suoi elementi costitutivi. In psicologia, il termine analisi connota quella procedura terapeutica che si propone di rendere leggibili le manifestazioni psichiche attraverso la loro riconduzione ai meccanismi elementari che si ipotizzano alla loro base.

Imago
Termine junghiano che designa il prototipo inconscio con cui il soggetto percepisce gli altri. Essa viene elaborata a partire dalle prime relazioni soggettive reali o fantasmatiche. L’imago, quindi, non è l’immagine, ma uno schema inconscio con cui il soggetto considera l’altro.

Disposizione
Insieme di atteggiamenti, inclinazioni, tendenze e capacità relativamente costanti che caratterizzano il comportamento dell’individuo. Nella disposizione si distingue tra: stato, ossia una disposizione psicologica temporanea, e tratto, ossia una caratteristica stabile e durature che rende l’individuo diverso da tutti gli altri.

Sorriso
Modalità espressiva che compare tra il primo e il secondo mese di vita del neonato come reazione a stimoli esterni quali suoni, immagini, voci e la presenza di figure familiari. Nell’adulto, il sorriso è un mezzo di comunicazione interpersonale impiegato min situazioni di atteggiamenti formali assunti per cortesia o in presenza di sentimenti di simpatia o di benevolenza.

Passione
In ambito psicologico a questo termine vengono dati significati specifici, quali ad esempio: emozione, ossia una reazione ad insorgenza acuta e di breve durata; affezione, ossia una modificazione passiva di carattere intenso e durevole.

Decisione
Formulazione di un giudizio rispetto all’attuazione o meno di un’azione. Non si tratta di qualcosa di spontaneo, ma la decisione presuppone una riflessione e una considerazione delle conseguenze possibili in seguito alla scelta effettuata che si orienterà verso l’alternativa che si ritiene possa procurare maggiore utilità, ricompensa o piacere.

Virilità
Insieme di tratti psicologici e fisici, quali coraggio, attività, dominanza, forza e vigore, che caratterizzano il modello culturale del soggetto maschile in contrasto con il soggetto femminile. Il virilismo si distingue dalla virilità, in quanto si riferisce all’assunzione di atteggiamenti maschili nella donna.

Esplorazione
Processo adattivo che permette al soggetto di orientarsi in una situazione nuova. Essa compare nella prima infanzia nella forma locomotoria, quando il piccolo muove il suo corpo per prendere le misure nello spazio, investigativa, tramite la manipolazione d’oggetti e orientativa, in occasione della modificazione dell’ambiente.

Opposti
Termini antitetici, rispetto al loro significato, che possono essere legati da una relazione dialettica, quando mette capo ad una sintesi, o da una relazione polare, quando mantiene uno stato di tensione che è alla base di ogni dinamismo psichico.

Egomorfismo
Tendenza del soggetto ad interpretare e percepire la realtà altrui sulla base della propria esperienza e della struttura della propria personalità. Si tratta di una tendenza che è alla base di tutti i processi proiettivi.

Sguardo
Forma fondamentale d’interazione tra gli esseri umani che ha inizio quando, dopo poche settimane, prende avvio la relazione madre-bambino. Anche se differenti da cultura a culture, i segnali trasmessi dallo sguardo permettono l’espressione del mondo delle emozioni e delle intenzioni, a partire dalle più semplici, come evitamento e avvicinamento, a quelle più complesse, che danno espressione dell’amore e dell’odio.